Lifeed e Barilla alla 4Week4Inclusion raccontano l’importanza di guardare le persone nella loro interezza: emozioni, bisogni e esperienze di vita sono un valore per le persone e per le aziende.

“Basta pensare che l’essere madre o padre possa andare in conflitto con il nostro essere lavoratori. Tutte queste dimensioni hanno una sinergia naturale che bisogna valorizzare, serve nelle aziende per farci lavorare bene insieme e portare nel mondo quel tipo di energia che serve per andare avanti”.

È questo il monito lanciato da Riccarda Zezza durante l’evento “Oltre gli stereotipi: il valore delle transizioni di vita per le persone e per le aziende” organizzato nell’ambito di 4Week4Inclusion, il più grande evento interaziendale dedicato all’inclusione organizzato da TIM che quest’anno – per la prima volta in Italia – vede impegnate oltre 200 imprese nel realizzare una maratona di quattro settimane consecutive all’insegna dell’inclusione.

All’evento organizzato da Lifeed in collaborazione con Barilla hanno preso parte Riccarda Zezza, CEO di Lifeed, Giulia Lamarca, Content Creator, Psicologa e Change Maker, Valeria Icardi, Customer Team Director & D&I ERG Balance Italy Leader di Barilla e Chiara Bacilieri, Head of Data di Lifeed.

“Il cambio di paradigma – ha continuato Zezza- non è naturale e non sarebbe possibile se non ci fossero aziende come Barilla che hanno fatto questa coraggiosa scelta di portare il cambiamento nella propria realtà”.

Barilla infatti è una delle 80 aziende che con Lifeed sta portando avanti un progetto di formazione e autoconsapevolezza dei propri dipendenti valorizzandone le dimensioni di vita personale come essere genitori, caregiver o semplicemente vivere una transizione.

“Abbiamo trovato i principi fondativi del percorso Lifeed totalmente coerenti con il nostro approccio che pone davvero al centro le persone – ha commentato Valeria Icardi, Customer Team Director & D&I ERG Balance Italy Leader di Barilla. “Nella strategia di crescita di Barilla, la diversità rappresenta un obiettivo fondamentale: uguaglianza, inclusione e diversità sono da tempo parte integrante della cultura, dei valori, del codice etico e del modello di business dell’azienda che considera le sue persone come la risorsa più preziosa.”

Il programma Winparenting ha l’obiettivo di supportare i genitori e i loro manager nella transizione della genitorialità, attraverso iniziative di valorizzazione delle persone e di supporto concreto rivolte a tutti i genitori e ai loro manager.

“Lifeed ha avuto un impatto molto importante nel cambiamento culturale dell’azienda e nell’affiancamento delle persone in una fase di trasformazione della loro vita come la genitorialità. Oggi in azienda tutti, e soprattutto i padri, si sentono più autorizzati a parlare dell’esperienza genitoriale e delle proprie esigenze familiari, senza il timore di essere stigmatizzati”– ha concluso Icardi.

Dai dati raccolti attraverso l’analisi di oltre 3000 riflessioni espresse dai dipendenti Barilla durante i percorsi Lifeed per il programma Winparenting emerge una fotografia chiara delle emozioni provate durante l’esperienza di vita della genitorialità. Il 56% delle persone parla di energia positiva, di gioia e motivazione. Nell’ultimo anno i genitori di Barilla manifestano sempre meno bisogni legati alla gestione dell’incertezza e alla necessità di maggiore equilibrio vita-lavoro. Aumenta l’efficacia nella cura, le competenze di leadership e intelligenza emotiva sono quelle più sviluppate.

“La lettura dinamica di questi dati permette a Barilla di guardare le persone nella loro interezza e di tenere conto di elementi più soft che non sempre nelle aziende vengono osservati. Alle emozioni, per esempio, si correla il benessere e comprenderlo permette di trovare le giuste modalità per relazionarsi con le persone. Ma non solo: le emozioni si correlano ai bisogni che evidentemente variano nel tempo. Il bisogno di gestire l’incertezza e la paura del futuro si intensificano nel 2020 dell’esplosione della pandemia e conseguente remote Working per poi decrescere del 59% del 2021. Nel 2018 la conciliazione tra vita privata e vita lavorativa rappresentava la preoccupazione maggiormente espressa dai neo genitori di Barilla nel corso degli anni decresce fino a scomparire nel 2021”– ha commentato Chiara Bacilieri Head of Data di Lifeed nel presentare le principali evidenze emerse fin qui grazie al progetto.

Tutti gli eventi della vita possono arricchire il curriculum. Perché invece le più intense esperienze di vita vengono trattate come un ‘vuoto’ nella carriera professionale? Due esempi: il congedo per la nascita di un figlio (il 20% delle donne in Italia dà le dimissioni dopo la maternità) e il tempo dedicato alla cura di una persona cara, come un genitore anziano (il 28% dei caregiver ammette di vivere questa condizione come uno stigma sul lavoro). Eppure si tratta di motori di attività quotidiane che migliorano ben 63 competenze! È ora di cambiare radicalmente la cultura e iniziare a considerare queste esperienze come dei veri e propri master nel curriculum vitae delle persone.

Da questo presupposto è nata #MyRealCv, la campagna digital di Lifeed che promuove la consapevolezza delle competenze allenate attraverso le esperienze di vita (come diventare genitori, prendersi cura di una persona non autosufficiente, vivere un divorzio, un trasloco, un nuovo lavoro…), vedendole nella loro complessità come occasioni che arricchiscono il curriculum vitae e realizzando così una migliore sinergia tra vita e lavoro.

#MyRealCv è stata ideata da Lifeed, l’EdTech company a impatto sociale che estende le possibilità di apprendimento delle persone a tutti gli aspetti della loro vita e coinvolge le aziende come agenti del cambiamento.

La campagna, realizzata collaborazione con l’agenzia di comunicazione Cookies & Partners, vuole spingere un cambiamento culturale a partire dalla creazione di una community – canali social Facebook, Instagram e LinkedIn – e dai partner di Lifeed, per poi svilupparsi a settembre in maniera più ampia grazie al coinvolgimento di influencer scelti perché rappresentano quanto sia importante trovare una sinergia tra vita e lavoro, e quanto i cambiamenti di vita spingano in questa direzione.

“Si chiama ‘curriculum vitae’, ma purtroppo spesso perde di vista la vita, con la conseguenza di sprecare risorse utili alla società e al mondo del lavoro – afferma Riccarda Zezza, CEO di Lifeed – Con questa campagna proponiamo un cambio di paradigma che renda tutte le persone più consapevoli che gli eventi della vita producono competenze che meritano di essere valorizzate nella vita professionale perché “funzionano” anche lì”.

La campagna è volutamente giocosa e aperta a tutti: un test composto da alcune domande individua i cambiamenti principali che le persone stanno attraversando, invitandole a scegliere quali competenze associarvi. La persona riceve quindi un report che indica le capacità sviluppate e da inserire nel CV.

Lifeed, proprio per il suo approccio innovativo al mondo del lavoro, è la prima e unica impresa italiana tra le 16 aziende selezionate dal network internazionale Unreasonable Group che riunisce innovatori dirompenti e imprenditori per entrare nella community di Unreasonable Future, il programma creato con l’obiettivo di co-progettare il futuro del lavoro.